Poliziotto appeso a testa in giù nel video choc del rapper “Fuma”: rimosso da “YouTube” dopo le polemiche

Il rapper “Fuma” ha fatto un video di una sua canzone, in cui vi vede un Poliziotto appeso a testa in giù.

Il rapper, soprannominato “Fuma”, non solo ha inserito nel video della canzone la scena orribile, ha anche inserito delle frasi contro i poliziotti.

A questa orribile scena, ha assistito anche un bambino, vedendo i poliziotti come dei nemici; È questo l’insegnamento che vogliamo lasciare alle generazioni future?

Uno schifo che certamente non è passato inosservato.

Le canzoni, di qualsiasi genere, devono trasmettere, tra le tante cose, Armonia, Amore e rispetto; Non come in questo caso, istigazione alla violenza.

I poliziotti, insieme a tutti componenti delle forze dell’ordine e delle forze armate, sono ogni giorno al servizio dei cittadini e sempre in prima linea per la nostra difesa e sicurezza.

Sono Uomini e donne, Fratelli e Sorelle, Padri e Madri, Figli e Figlie; per cui meritano rispetto e non odio.

E’ arrivato il momento di introdurre il reato di vilipendio alle Forze dell’ordine: Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria e Polizia Locale. Sanzione già prevista per le offese a forze Armate e Carabinieri, nell’ Art. 290 del codice penale.

Una prima vittoria è arrivata, il video è stato cancellato da “YouTube”, sperando che sia l’inizio di una lunga serie di vittorie, augurando pene più severe.

Questa scena e le frasi contenute nel video del rapper “Fuma”, non è solo un colpo basso nei confronti di tutte le forze dell’ordine e armate, ma anche nei confronti dei loro familiari.

Onore alle forze dell’ordine e armate, che ogni giorno, si mettono al servizio dei cittadini, rischiando la vita in nostra difesa per tutelare la nostra libertà, democrazia e vita. Soprattutto nel momento critico in cui ci troviamo.

Ragione per cui si deve onorare e rispettare tutte le divise, che ogni giorno sono in prima linea per la sicurezza di tutti noi.