La scorretta voltura del titolo edilizio alla comunità Sikh

Lega Salvini Premier, tramite i propri consiglieri comunali Guido Andrea Zanini e Marzia Anghi, ha depositato presso gli uffici del Comune di Suzzara, in provincia di Mantova, la richiesta di revocare la voltura del permesso di costruire del tempio Sikh.

Risulta infatti che circa un anno fa il comune abbia concesso il cambio di intestazione al permesso di costruire precedentemente rilasciato nel 2018 al titolare dell’ex mobilificio Gollini, proprietario, per l’esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria.

L’Associazione culturale Sukhmani Sahib Suzzara ha chiesto (ed ottenuto) di diventare intestataria ufficiale di quel titolo edilizio, presentando al Comune un contratto di compravendita con patto di riserva di proprietà. Quel contratto, che è un atto pubblico e quindi accessibile a chiunque, prevede che la proprietà non sarà trasferita fino al pagamento dell’intera somma pattuita tra il venditore e l’associazione culturale acquirente (10 agosto 2023) e dispone inoltre che l’avvenuto trasferimento della proprietà sarà riconosciuto solo con un successivo atto notarile da farsi dopo il completo pagamento.

Ma c’è altro: con quest’atto non solo non si trasferirà il diritto di proprietà sino al pagamento completo del dovuto, ma le parti hanno convenuto che il contratto potrà essere risolto anche in caso di mancato rilascio da parte del Comune dell’autorizzazione al cambio di destinazione d’uso degli immobili in questione. Si tratta quindi di un contratto rescindibile in ogni momento, almeno fino alla stipula definitiva del trasferimento della proprietà. In più al catasto (Agenzia delle Entrate) i beni risultano ancora intestati al vero proprietario e non all’Associazione culturale.

Lo ius aedificandi (diritto a costruire) si trasferirà solo con il saldo del pagamento che avverrà nell’agosto 2023 e la stipula del contratto definitivo, ma non prima.

La voltura del titolo edilizio (in pratica il cambio di intestazione del permesso di costruire) non poteva essere assentita dagli uffici comunali sulla base di un atto notarile che non trasferisce la proprietà dei beni e che è sempre revocabile.

Il Consigliere comunale Guido Andrea Zanini informa di aver chiesto al Sindaco l’immediata revoca della voltura del permesso di costruire, affinché rimanga intestato al proprietario. Le regole sono uguali per tutti!