Fondi Lega, Salvini: “Più che bufera venticello, solidarietà a Durigon”

salvini durigon

Più che una bufera, mi sembra un venticello“. Così il segretario della Lega Matteo Salvini, dopo aver donato il sangue a Milano, ha commentato le polemiche sul sottosegretario all’Economia Claudio Durigon, scatenate dall’inchiesta di Fanpage.

La bufera è altro per fortuna. Non c’è neanche un’inchiesta. Poi fortunatamente ci sono dei magistrati che decidono cosa è reato e cosa no. Quindi sicuramente si passa oltre, perché’ questo non cambia assolutamente nulla”. A chi gli chiedeva se Durigon dovrebbe dimettersi, Salvini ha risposto: “Neanche lontanamente, io guardo ai fatti. Guardo a quello che è successo alla Lega, di tutto e di più. Penso che i 5 Stelle stiano facendo questo cinema per coprire il casino a casa Grillo. Se siamo tutti presunti indagati questa è Nord Corea. A Durigon assoluta e totale solidarietà e stima“, ha concluso Salvini, riferendo di aver parlato con il sottosegretario al Mef questa mattina, a cui ha chiesto “di bloccare le cartelle esattoriali. L’ho sentito stamattina perché’ domani rischiano di partire 30milioni di cartelle esattoriali”.